1200x1200_18092014-compressed

3 mistakes to avoid developing a Branded App

Many agencies and developers often find companies that require to make mobile applications for marketing and branding. Customers often have a lot of requests that aim to achieve an application of this kind aesthetically gorgeous, but not always useful for the purpose. What are the main problems to be solved to create branded applications?

Brand Applications that look like paper catalogs

Maybe your client has very clear ideas: the application needs to do branding, or it must be a copy of the catalog of its products?
Tabletize is an excellent tool for both purposes: if your customer requires a product catalog for sales network, you can create your application simply uploading the pdf file of your client. But are we sure that those who want to do branding require this?
Branded application must introduce company, and it must do so in an interactive and useful for this purpose: focuse more on brand, company’s philosophy and mission. Add video presentation of your customer business, how to contact the company and an interactive map to get there.
In this way, your customer will have an interactive business card to offer to clients, improving his image and giving your customer with professionalism and modernity.

Applications not related to social channels

Think about it: there are a myriad of branded applications in the app store  that do not give opportunity to know the company’s social universe. If it is a branded app, what is the point then create it if you do not maintain the connection between the user and the company. The brand app has the ultimate goal to introduce the company to you, trying to keep it connected to it and get used to the online presence. It’s the basis of marketing, right? ;)
When creating branded app for your customers, always remember to put the right connections to the social channels. Increase its online presence and you will have a happier customer. And satisfied customers always come back ;)

Do not create annoying branded app

We often get in our smartphone application that sends push notifications constantly, sometimes very annoying. Remember that branded app needs to do branding and establish a positive relationship between user and brand, not the opposite effect. Do not be annoying, therefore, with push notifications in your customers applications!

 

And now..it’s time to create KILLER BRANDED APP. Get started with Tabletize !

lancio_1305

4 motivi per cui tutti i clienti vogliono un’App

Stai sviluppando applicazioni per alcuni clienti? Oppure pensi che la maggior parte dei tuoi clienti dovrebbero avere una loro app mobile sviluppata? Ti daremo 4 modi per convincerli..

lancio_1305

 

1. I tuoi clienti sono utilizzatori alle prime armi, ma i prezzi delle app sono già contenuti

L’utilizzo degli smartphone è in rapida crescita, quasi più velocemente del numero di applicazioni. In un paio di anni, ogni azienda avrà una o più applicazioni. Ciò significa che le tu aziende clienti avranno bisogno di sviluppare un’app per non rimanere indietro. E’ vero, la maggior parte delle applicazioni sono ancora applicazioni di intrattenimento delle quali spesso potremmo facilmente fare a meno. Ma la categoria che cresce rapidamente è quella delle applicazioni aziendali: le app che consentono ai team di vendita di avere sempre cos sé a portata di device opuscoli, cataloghi e video promozionali, oppure applicazioni con possibilità pubblicitarie, applicazioni studiate per essere degli strumenti di marketing geolocalizzati.

L’utilizzo di applicazioni aziendali non è ancora molto diffuso; i tuoi clienti sono ancora utilizzatori alle prime armi. Ma non pagano il prezzo della rivoluzione. I costi di un’app sono contenibili grazie ad una piattaforma come Tabletize. Così si ottiene il meglio di entrambi i mondi: essere uno dei primi ad utilizzare una applicazione aziendale, ma già beneficiare di prezzi di mercato competitivi.

E’ tutta una questione di Marketing: le App sono contatti di clienti

Abbiamo bisogno di un’app? Abbiamo bisogno di un sito web? Le applicazioni mobili sono installate sugli smartphone dei consumatori. Non è fantastico? Essere sempre presente nell’oggetto più utilizzato dai tuoi clienti? Basta un tocco per entrare in contatto, senza bisogno di un browser, ma offrendo una superba user experience. Usa Facebook, Twitter e Google+ nella vostra app per informare i tuoi clienti.

Il business migliora se il flusso di lavoro è mobile

Il business migliora se il flusso di lavoro è mobile. Crea applicazioni per le aziende in poco tempo, solo quando ne hai bisogno. Hai una conferenza o una mostra? Crea un’app mobile con tutte le informazioni: sil programma della fiera, gli invitati, i profili dei partecipanti e la mappa del luogo dell’evento.

Il tuo team di vendita porta ancora con sè una marea di opuscoli? Perché non utilizzare un’app catalogo, un portafoglio magnificamente progettato per impressionare i clienti? Puoi anche dare ai clienti l’accesso a solo una parte della tua applicazione sbloccando informazioni specifiche. Le applicazioni sono sempre aggiornate e funzioneranno sempre correttamente, anche offline, senza connessione dati.

Facilità di manutenzione

Mantenere un’app aziendale aggiornata è facile, per chiunque. La possibilità di avere un catalogo sempre aggiornato a portata di mano ha fatto sì che il team commerciale di moltissime aziende accantonasse tutti i cataloghi cartacei: qual è il vantaggio di fondo?

  • un’app aziendale è esteticamente accattivante e migliora il branding dell’azienda
  • il risparmio, in termini di carta e stampa, è elevatissimo: l’app abbatte i costi
  • l’app aziendale è sempre fruibile, in qualsiasi momento, anche da smartphone

Non trovi che sia il miglior biglietto da visita per un’azienda? Provare per credere ;)

lancio_294-1

App Native vs Web App: quali sono le differenze?

Lo sviluppo di un’applicazione mobile, come ben sai, comporta un’elaborata pianificazione e diversi processi da unire per formare un risultato armonico. Tutto inizia con un’idea di app, si passa poi alla pianificazione, alla progettazione dell’app,  allo sviluppo, al testing e, infine, la distribuzione delle app sui dispositivi mobili. Tuttavia, c’è una cosa che devi decidere prima di passare attraverso le fasi sopra citate di sviluppo dell’app. Si dovrà decidere il modo esatto in cui si desidera creare e distribuire la tua applicazione.

In questa fase, hai due opzioni da scegliere: puoi sviluppare un’app nativa oppure una web app.

Quali sono le applicazioni native e quali le web app e come sono differenti le une dalle altre? Quale alternativa sarebbe meglio per te? Ecco un confronto tra le applicazioni native e le applicazioni web.

 

 

lancio_294-1

 

Un’ App nativa è un’applicazione sviluppata essenzialmente per un particolare dispositivo mobile e viene installato direttamente sul dispositivo stesso. Gli utenti di applicazioni native di solito scaricano tramite app store, come ad esempio l’Apple App Store, Google Play e così via. Un esempio di una applicazione nativa è l’app Camera+ per i dispositivi iOS di Apple.

 

Una web app, invece, è fondamentalmente un’applicazione Internet-enabled accessibile tramite il browser del dispositivo mobile. Non deve essere scaricata sul device dell’utente per poter accedere. Il browser Safari è un buon esempio di web app mobile.

 

Per sapere quale tipo di applicazione è più adatta alle tue esigenze, è necessario confrontare ognuno di loro. Ecco un rapido confronto tra applicazioni native e applicazioni Web:

 

App Native vs Web App: Interfaccia utente

 

Dal punto dell’utente del dispositivo mobile, alcune applicazioni native e web aspetto e funzionano più o meno allo stesso modo, con poca differenza tra loro. La scelta tra questi due tipi di applicazioni deve essere fatta solo quando si deve decidere se sviluppare un app user-centric o un app application-centric. Alcune aziende tendono a sviluppare sia applicazioni native e web, in modo da ampliare la portata delle loro applicazioni, ma anche di fornire una buona esperienza complessiva dell’utente.

 

App Native vs Web App: Processo di Sviluppo App

 

Il processo di sviluppo di queste due tipologie di app è ciò che li distingue gli uni dagli altri.

 

Ogni piattaforma mobile per la quale l’applicazione nativa è sviluppato, stabilisce il proprio processo di sviluppo unico. Nel caso di applicazioni Web in esecuzione sul browser di un dispositivo mobile, il problema che si pone è che ognuno di questi device possiede caratteristiche uniche e porta con sé anche le problematiche.

 

Ogni piattaforma mobile utilizza un linguaggio di programmazione nativa diversa. Mentre iOS utilizza Objective-C, Android usa Java, Windows Mobile utilizza C + + e così via. Le applicazioni Web, invece, utilizzano linguaggi come JavaScript, HTML 5, CSS3 e altri framework secondo le preferenze dello sviluppatore.

 

Ogni piattaforma mobile offre allo sviluppatore il proprio SDK standard, strumenti di sviluppo e altri elementi dell’interfaccia utente, che possono usare per sviluppare la loro app nativa con relativa facilità. Nel caso di applicazioni web, però, non c’è tale normalizzazione e lo sviluppatore non ha accesso a SDK o altri strumenti di qualsiasi tipo.

 

Naturalmente, ci sono diversi strumenti e framework disponibili per lo sviluppatore, con il quale si possono distribuire le applicazioni su più piattaforme mobili e browser web.

 

App Native vs Web App: Strumenti fai da te Cross-Platform per la formattazione e lo sviluppo di app

 

Un’app nativa è totalmente compatibile con l’hardware del dispositivo e le caratteristiche native, come accelerometro, fotocamera e così via. Le applicazioni Web, invece, possono accedere solo ad un numero limitato di funzionalità native del dispositivo.

 

Mentre un’applicazione nativa funziona come entità autonoma, il problema è che l’utente deve mantenerla aggiornata. Una web app, invece, si aggiorna senza la necessità di intervento da parte dell’utente. Tuttavia, occorre necessariamente accedere tramite il browser di un dispositivo mobile.

 

App Native vs Web App: Errori comuni da evitare durante lo sviluppo di un’App

Monetizzare un’app

Monetizzare con le applicazioni native può essere difficile, dal momento che alcuni produttori di dispositivi mobili possono stabilire restrizioni alla integrazione dei servizi con determinate piattaforme e reti pubblicitarie mobili. Al contrario, le applicazioni Web consentono di monetizzare per mezzo di messaggi pubblicitari. Tuttavia, mentre l’App Store si prende cura delle tue entrate e le commissioni in caso di applicazione nativa, è necessario configurare il proprio sistema di pagamento in caso di una web app.

Mobile Advertising: Suggerimenti per selezionare il giusto Mobile Ad Network

Le applicazioni native sono più costose da sviluppare. Tuttavia, sono più veloci e più efficienti, lavorano in tandem con il dispositivo mobile per il quale sono sviluppate. Inoltre, sono  garanzia di qualità, in quanto gli utenti possano accedere solo tramite app store online.

 

Le applicazioni web possono comportare maggiori costi di manutenzione su più piattaforme mobili. Inoltre, non vi è alcuna autorità di regolamentazione specifica per controllare gli standard di qualità di queste applicazioni. L’App Store di Apple, però, presenta un elenco di applicazioni Web di Apple.

 

In Conlusione

 

Considerare tutti questi aspetti prima di decidere se si vuole sviluppare una applicazione nativa o un’applicazione web. Nel caso in cui il budget lo consenta, è possibile sviluppare entrambe le tipologie di app per il tuo business.

 

Ma è così vero che le app native sono più costose? Tabletize è pensato proprio per questo motivo ;)

lancio_244_2-1

La differenza tra il test e il monitoraggio di un’app

Confrontando il test e il monitoraggio delle prestazioni di un’app mobile, la domanda sorge spontanea? Quale delle due fasi è più importante? Semplice:  entrambi sono aspetti importanti dello sviluppo di un’app.

Esistono due fasi connesse con l’ottimizzazione delle prestazioni di un’app: uno stadio è prima che l’app venga rilasciata (ovvero il test della performance) , e l’altro dopo il rilascio (cioè il monitoraggio delle prestazioni) .

La maggior parte degli sviluppatori di app testano le prestazioni solamente prima di rilasciare l’applicazione, spesso in fase di sviluppo. Ciò che a questi sviluppatori manca è il monitoraggio completo mentre l’utente utilizza l’app in tempo reale.

Lo svantaggio di un solo test di performance comprende alcune casistiche:

  • Device utilizzati durante le prove potrebbero essere più veloci o più lenti rispetto a quelli utilizzati dagli utenti mentre utilizzano l’app live
  • Le risorse disponibili sugli smartphone utilizzati durante le prove potrebbe essere diverse da quelle in real time
  • Il volume di dati utente scaricati o caricati dagli smartphone potrebbe essere diversa nei test rispetto all’utilizzo reale

Una buona pratica è quindi quella di utilizzare sempre strumenti leggeri per monitorare le prestazioni degli utenti  in real time. In questo modo si può garantire che i problemi evidenti non siano stati riscontrati durante il test .

Spesso può essere richiesto un costo all’utente per scaricare l’app, perciò la lentezza di un’app o eventuali problematiche riscontrate risulta essere un problema serio e frustrante per l’utente, ma anche per lo sviluppatore, che rischia di perdere la retention dell’utente stesso.

Esempi di problemi di prestazioni delle app comprendono :

  • Crash che causano cattive user experience
  • Applicazioni chiuse a causa di situazioni di esaurimento di memoria

Includendo sia il test sia il monitoraggio nell’ambito del ciclo di sviluppo dell’app, gli sviluppatori possono ridurre il tasso di abbandono.

Inoltre, l’aggiunta di nuove funzionalità, nuove versioni del sistema operativo, portando con loro i test delle prestazioni e il monitoraggio in atto, possono aiutare i developer ad evitare problemi di performance indesiderati.

Rispetto al maturo mercato dei test delle prestazioni delle app , il mercato dei servizi di monitoraggio delle prestazioni delle applicazioni mobile è nato da solamente un anno.

Tuttavia questi servizi stanno iniziando a diventare diffusi tra i principali sviluppatori di app, che fanno del monitoraggio delle prestazioni di utilizzo delle loro app un vero e proprio cavallo di battaglia.